Anche Daniele Baldelli torna al vinile? Curiosa e sicuramente interessante l’iniziativa intrapresa da Enzino Iannece, nome d’arte N-Zino, storico d.j. salernitano appassionato di musica incisa su vinile di cui possiede una vasta collezione. Questa sua vecchia passione dell’analogico, in un periodo in cui le vendite dei vinili sono in netta ripresa, lo ha portato a lanciare questa iniziativa battezzata con il nome di “180 gr” tratto dal peso tipico del classico disco realizzato in cloruro di polivinile, un composto più semplicemente conosciuto come vinile. A questo progetto hanno aderito numerosi ed affermati d.j. del panorama italiano che sono stati chiamati ad esibirsi in un contesto insolito come un mercato rionale. Una sfida vera e propria per chi è abituato a lavorare in discoteca dove al giorno d’oggi ha a disposizione una consolle moderna, digitale ed assai tecnologica, al contrario di quella fornita durante questa iniziativa che è composta solamente da due classici ed inossidabili giradischi Technics SL 1200 ed un mixer analogico di tipo rotativo. Ancora più curiosa la dislocazione della postazione offerta ai d.j. che si sono ritrovati a mixare al mercato in un banco dell’ortofrutta circondati da frutta e verdura. Ad accettare questa insolita sfida c’è anche Daniele Baldelli il quale, a differenza di quasi tutti gli altri partecipanti, non si è esibito al mercato rionale ma in una piattaforma piazzata all’aperto, probabilmente lo scenario è l’arenile di una spiaggia italiana.Anche Daniele Baldelli torna al vinile? Questo video riguarda appunto la “electro performance” di Baldelli avvenuta in tarda estate a smentire una sua affermazione di qualche tempo fa: «non chiedetemi più di lavorare ancora con i giradischi…». Oltretutto si è ritrovato a disposizione due piatti che non sono nemmeno i suoi ex amatissimi Technics SL 1015 con i quali ha lavorato durante gli anni 80 al Cosmic. Che dire, si è dovuto adattare e da quanto si vede e si sente ci è riuscito anche abbastanza bene arrangiandosi non poco con le mani per tenere i cambi in sincronia. A parte qualche iniziale sbavatura, comprensibile se si considera l’insolito mixer messo a disposizione, Daniele se l’è cavata bene anche questa volta.

[fb_plugin comment href=https://www.facebook.com/disco70.disco80/videos/1233607976719015/ ]

Facebookyoutubetumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_heart.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_rose.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.manzini.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif